mercoledì 29 febbraio 2012

Caffè in rosa

Ebbene si, oggi mi sento moscia e vedo grigio. E se il buongiorno si vede dal mattino arriverò così sgonfiata fino a stasera.
Mi faccio un caffè per vedere se mi dò una svegliata e la giornata cambia prospettiva, ma ci credo poco. Mi conosco e so che quando è così non c'è gran margine di contrattazione.
Ma un caffè aiuta sempre, mi conforta.


E allora eccolo il mio caffè, in questa tazza rosa che magari un po' di cromoterapia farà il suo lavoro.
Intanto penso alle mille cose che potrei fare, ai progetti da finire (ma quanti sono?), alle idee che ho in mente di realizzare... ma oggi proprio non mi va. Solo ordinaria amministrazione stamani:bambini a scuola, mini spesa  al mercato, letti, lavatrice, riordinare la cucina caotica dopo la colazione di corsa, una sistemata veloce alla sala. Basta.
Mi concedo il privilegio, in previsione di un pranzo occasionalmente in solitaria, razzolando nel frigo per tornare poi nel mio limbo di pensieri...

Mi arriva un invito per un pranzo fuori con la mia amica Chiara, una manna dal cielo. Conferma che forse esiste la divina provvidenza.
Mi concederò questo pranzo d'affetto e complicità tra donne, un pranzo in rosa come il mio caffè.

Poi a prendere i bambini a scuola, qualche chiacchiera tra mamme ai giardini e accompagnerò Pietro al corso di teatro. Rimarrò con la Marghe, noi due da sole per un'oretta mamma-figlia... in rosa.

Al di là di ogni mia aspettativa la giornata sta cambiando colore :)

Vi auguro una giornata straripante di rosa!

12 commenti:

  1. Grazie, anche variopinta e pasticciata va bene lo stesso.
    Spero che tu stia sorridendo,
    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, ieri sera, a fine giornata, nonostante la stanchezza, sorridevo :)

      Elimina
  2. Ho scoperto questo blog per caso e già me ne sono innamorata. La presentazione con il ritratto a pastelli fa già capire che siamo molto in sintonia. Mi piacciono i tuoi post che parlano di tante cose e che danno tante idee. Ti salvo subito, Cat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sei la benvenuta! I miei post parlano di tante cose diverse perchè io sono tante cose...non chiedetemi di essere coerente in quello che faccio, che proprio non mi riesce...

      Elimina
  3. per caso sono capitata a casa tua e ne sono contenta. BRAVA!! non ti lasci andare ad una giornata nera e se oggi non puoi fare niente domani sarà migliore. Come si dice: se non puoi vincere fattela amica, e così, presa sottobraccio, la pesantezza diventa... meno pesante.
    ciao ciao
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura, benvenuta anche a te! Non è sempre facile ma certe volte l'impronta che si riesce a dare ad una giornata iniziata male può essere il punto di svolta. Tutte le cose hanno infiniti punti di vista. Cerchiamo quello più leggero!
      Ripeto che però a volte è difficile...ma ci si prova!
      A presto!

      Elimina
  4. volevo aggiungere che ti ho inserita con piacere tra i blog che seguo
    ciao ciao
    Laura

    RispondiElimina
  5. Ma questa tua non sembra affatto una giornata grigia..
    E' decisamente una giornata rosa!!
    Oh si che lo è!
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiara, diciamo che lo è diventata...la partenza ti assicuro era mooolto molto grigia...

      Elimina
  6. si a volte si parte in un modo e si arriva in un altro...basta saper seguire la curva del cambiamento ...un bacio rosa

    RispondiElimina
  7. Cara Lo, ricambio il bacio...

    RispondiElimina
  8. A volte capita, in questi casi, bisogna, tempo permettendo, ritagliarsi del tempo per fare in modo di cambiare il modo di vedere le cose, uscire per una passeggiata o dedicarsi a qualcosa che piace,
    ciao,
    Amalia

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails