giovedì 15 settembre 2011

Pappa col pomodoro

Viva la pa pa pa pa, col po po po po po po pomodoro... viva la pa pa pa pa , cantava negli anni '60 la mitica Rita Pavone.
Ci sono cose che nella loro semplicità estrema, fanno la storia e diventano indimenticabili.
 Certo capita che si abbia voglia di nuovo, di spaziare e esplorare nuovi orizzonti, assaporare piatti dai sapori sconosciuti, avere desiderio di scoperta.
Ma alla fine quanta sicurezza ci dà trovarsi di fronte, sedendosi a tavola dopo una giornata faticosa, un meraviglioso piatto di pappa col pomodoro?!
Io l'ho cucinata l'altra sera, un po' per questa smania che ho di climi e atmosfere più autunnali (anche se con le temperature in corso questa mossa è stata un karakiri), un po' perchè mi dispiaceva mandare un bel filoncino di pane toscano a ingrassare le galline.
E in più la curiosità di sperimentare la conserva di pomodoro preparata durante gli sgoccioli della vacanza in campagna.

LA PAPPA COL POMODORO
Non ho la minima idea del numero infinito di ricette che esistono per la preparazione di questo piatto. Si tratta per lo più di una faccenda strettamente familiare: ogni tetto domestico toscano ha una sua scuola di pensiero.
Devo essere sincera, una volta la bonanima della mia nonnina nonchè cuoca sopraffina mi aveva raccontato la sua pappa ma siccome non ho scritto niente di dosi e tempi e verba volant mi son dimenticata. 
Allora ho improvvisato anche in virtù della semplicità degli ingredienti...


In una pentola capiente ho fatto soffriggere in olio d'oliva tre spicchi di aglio. Ho aggiunto il pomodoro: io ho usato la conserva preparata questa estate, un barattolo bormioli da mezzo chilo l'ho messo tutto. Se non avete conserva fatta in casa scegliete comunque un pomodoro di qualità che essendo la base di questo piatto se non è buono lui addio...
Insieme al pomodoro aggiungete acqua in abbondanza, circa due volte e mezzo il volume del barattolo di pomodoro. Deve risultare una bella crema liquida ma colorata e corposa.
Unite il sale, il basilico in quantità e le erbette che vi piacciono di più. Nella mia pappa non può mancare l'origano, quello profumatissimo raccolto in campagna...
Fate bollire e nel frattempo preparate il pane. L'ideale è il pane toscano, che mantiene una certa consistenza anche se bagnato. Tagliatelo a fettine e poi a dadini.
Quando il calderone bolle aggiungete il pane e fate bollire a fiamma bassa girando spesso ancora e ancora finchè non sarà ammorbidito e ben amalgamato col pomodoro. Se vi sembra troppo denso non esitate ad aggiungere acqua, un po' alla volta. Occhio che si attacca facilmente...
Impiattate, aggiungete un filo d'olio e parmigiano grattugiato.

Visto che qui da noi la pappa al pomodoro è un piatto unico (non penserete che mi metta a cucinare antipasto-primo-secondo-contorno-dolce ad ogni pasto!) la arricchisco con dadini di formaggio pecorino, sparsi sopra, che col calore si sciolgono.

Tanto per non farsi mancare nulla...

8 commenti:

  1. Oh, com'è diversa la tua! Sarebbe da assaggiare.....;)

    Un bacio

    RispondiElimina
  2. Che buona..........dalla Dani ne ho mangiati tre piattoni.........

    RispondiElimina
  3. che bella! mi vergogno a dirlo ma non lìho mai fatta e direi che ora con la tua ricetta non ho più scuse!

    RispondiElimina
  4. Mmmmmhhh che buona. E anche più semplice di quanto pensassi. Proverò. Grazie.

    RispondiElimina
  5. Adoro la pappa al pomodoro, ma non l'ho mai fatta...questa è la volta buona che proverò!

    Emanuela

    RispondiElimina
  6. ah t'ha fatto venir voglia VerdeSalvia? :) buona davvero la pappa!

    RispondiElimina
  7. Mmmmmm... Ricordo ancora il sapore di quella preparata da Daniela l'anno scorso alla ficata!
    Che voglia mi hai fatto venireeeee...

    RispondiElimina
  8. Wow... sai che non l'ho mai mangiata questa famosa pappa al pomodoro....
    Ma ti prometto che questo inverno la proverò... Cassandra va pazza per il pomodoro e sono sicura che le piacerà da pazzi! Ti farò sapere!!!
    Bacini

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails