venerdì 20 maggio 2011

Punto smock: nuova passione

In questi giorni in cui l'attesa si fa pesante ho bisogno di riempire le ore fino a farle scoppiare. Le faccio piene di persone, di idee, di voci e di progetti, così tanto per ingannare il tempo che ci porterà a martedi, al primo mini-ricovero. Che sembra quasi che avere le mani e la testa impegnate in qualcosa di creativo renda tutto più leggero. Almeno per me è così.
Così ho lavorato per lei, la mia stella, il pensiero e il cuore adesso sono tutti per lei, non me ne vogliano gli altri...presto torneremo ai giusti equilibri.
Ritrovo in un cassetto un abitino mio, di quando ero piccola piccola e la mia nonnina dalle mani d'oro cuciva per me piccole delizie. Un abitino prendisole, come andavano tanto di moda negli anni settanta, con il corpino arricciato ed elastico. Semplicissimo e perfetto.
Scopro che si chiama punto smocking e si fa velocemente con la macchina da cucire. Così mi viene in mente di tramandare alla mia bambina la dolcezza di questi punti fitti e pieni che magari quando sarà grande ritroverà un vestitino in fondo a un cassetto e penserà con orgoglio che la sua mamma lo aveva cucito per lei.

Dal primo esperimento in realtà è venuto fuori un top, perchè avevo questa stoffa rossa che volevo usare assolutamente ma era un po' pochina...


Non mi sono certo fermata lì perchè la velocità di realizzazione fa sì che mentre cuci qualcosa pensi già a qualcos'altro... bene bene, così la mente si tiene occupata tra stoffe e colori!
E allora nasce una versione lunga, sempre a pallini, mia fissazione del momento, ma su fondo azzurro. Aggiungo un piccolo fiore all'uncinetto, particolare lezioso per la mia piccina così attenta ai particolari...

E ho già razzolato nel baule delle stoffe :)

Questi abitini sono perfetti per l'estate, si indossano e via, pronti per mille giochi e avventure.

Il procedimento per realizzarli è molto semplice, in rete si trovano mille tutorial.

Io vi dico a grandi linee COME SI FA

Avete bisogno di una pezza di tessuto leggero alta quanto l'altezza della bimba (più gli orli superiore e inferiore) e largo due volte e mezzo la circonferenza del torace. Se il tessuto ha disegni regolari tipo righe o quadretti il lavoro sarà facilitato, specie le prime volte! Vi serviranno anche del filo in tinta con il tessuto e un rocchettino di filo elastico. In commercio si trova di tutti i colori, io lo uso bianco che tanto resta sul dietro e non si vede...

Prima di tutto si fa un orlo piccolo piccolo al margine superiore. Poi si inizia ad arricciare.
Nella bobina di sotto della macchina da cucire si deve mettere il filo elastico TESO. Potete usare il normale avvolgitore per bobine della macchina, tenendo il filo in ulteriore tensione man mano che si avvolge. Se siete fortunate e avete una macchina da cucire con il portabobine estraibile vedrete che ci sarà una piccola vite: serve per regolare la tensione del filo. Fate delle prove su un campione della stoffa e cercate la giusta arricciatura, nè troppo stretta nè troppo lenta. Scegliete un punto medio lungo e regolate la tensione superiore più forte del normale (così i punti superiori bloccheranno il filo elastico che non scorrerà).
Se la vostra macchina ha la regolazione automatica della tensione inferiore (come me sigh...) allora dovete tirare tanto il filo elastico in fase di avvolgimento sul rocchettino... vi garantisco che è più complicato a dirsi che a farsi.
Iniziate a cucite tenendovi a un paio di centimetri dall'orlo superiore e arrivate in fondo al tessuto. Poi di nuovo, di nuovo e di nuovo fate tante righe orizzontali per tutta l'altezza del corpetto. Per andare diritti (abbastanza...) potete prendere come riferimento il disegno della stoffa oppure il piedino della macchina da cucire. Ricordate di fermare ogni cucitura all'inizio e alla fine con pochi punti indietro sennò il filo elastico tende e sfilarsi.

Sostituite la bobina elastica con il filo normale. Cucite il fianco e rifinite a zig zag.

Avrete un tubo di stoffa a cui non manca che fare l'orlo inferiore. Se siete pignoline come me ricavate le spalline dallo stesso tessuto oppure usando un nastrino che però non sia scivoloso (ad esempio il raso tende a sciogliersi ).

Sul diritto filo di cotone: punti lunghi e tensione alta...

Sul rovescio filo elastico ben teso.

Avrete un abitino stupendo, fresco e svolazzino per la vostra principessa.
Su, all'opera che il caldo si fa già sentire!

10 commenti:

  1. che belliiii! me li ricordo anch'io questi vestitini. i colori sono stupendi,mettono allegria.
    Ecco, anche in questo caso...peccato non avere una femminuccia!!! buona giornata

    RispondiElimina
  2. in bocca al lupo per tutto!
    abitino stupendo è una vita che voglio provare questo punto smock, magari sarà la volta buona.
    un abbraccio, linda

    RispondiElimina
  3. anche io li avevo vestitini così, fatti dalla mia mamma! mi piacciono tanto, vorrei farne uno per Chiara ma ho sempre pensato che fosse difficile!!! tu mi rincuori ... ci proverò. un abbraccio grande grande

    RispondiElimina
  4. oh...grazie per la spiegazione, mia figlia mi aveva chiesto dei top con questo punto e non sapevo da che parte partire....prezioso consiglio...in bocca al lupo per martedì e un bacino al tuo tesoro. un abbraccio.glo

    RispondiElimina
  5. che meraviglia... quanto vorrei avere anche io come te delle mani d'oro...!

    RispondiElimina
  6. Cara Micio bigio sei veramente brava a coraggiosa:Un particolare augurio per la tua piccola.Vieni a vedere il mio blog, troverari per te che ami i calzini a rghe una piccola creazione, passatempo.che è anche un gioco. www.dodicimesiquattrostagioni.blogspot.com

    RispondiElimina
  7. Meravigliosi vestitini per la tua principessa...che brava sei Micia....

    Un abbraccio grande e grazie per queste info...;)

    Tatti

    RispondiElimina
  8. ciao, io mi sono messa a cucire da poco e il punto smock è una delle mie ambizioni più ardenti!!!

    RispondiElimina
  9. Sì, me li ricordo bene, anche se non ne ho mai avuti, gli abiti col davanti tutto arricciato, andavano anche a manica lunga. Pensavo fosse una cosa complicatissima, non che si facessero con la macchina da cucire. Di sicuro però un bel pò di abilità nel cucito ci vuole! Il top e l'abitino che hai realizzato sono graziosissimi, sia per il punto che per la stoffa. Il fiorellino poi completa il tutto, bravissima! Ancora un abbraccio, ciao Federica.

    RispondiElimina
  10. ciao volevo chiederti se mi daresti una mano nella realizzazione di questo punto perchè proprio non mi riesce .Grazie

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails