domenica 31 ottobre 2010

A tutti i mostriciattoli...

...HAPPY HALLOWEEN!!!


La nostra zucca vuota, sdentata e con un dente cariato vi saluta sorridendo!

venerdì 29 ottobre 2010

Tutorial: fantasmini per halloween

Mi ricordo che quando ero piccola la festa di Halloween non veniva minimamente considerata, forse non era proprio conosciuta. Oggi va di gran moda e per noi ogni occasione è buona per pasticciare e creare qualche ninnolo con cui invadere la casa (già molto invasa di suo...).
Ieri abbiamo inventato questi semplicissimi fantasmini, piccoli ma di grande effetto se sparpagliati ovunque, anche dentro gli armadi o nel frigo, così quando il malcapitato apre si spaventa... ok... stendo un velo pietoso...


Occorrente per i fantasmini:

- vecchi giornali o riviste
- nastro adesivo
- cordoncino ( tipo quello per legare l'arrosto )
- ritagli di tessuto bianco ( qui via libera al riciclo: tovaglioli, canovacci, asciugamani, anche sacchetti di plastica, tutto va bene)
- colla vinilica
- forbici
- pennarello nero


1- Appallottolate un foglio di giornale ben stretto per formare la testa, stingendolo con alcuni giri di nastro adesivo. Avrete una pallina della dimensione di un piccolo pugno


2- Tagliate un pezzetto di cordino, lungo abbastanza per formare un occhiello e annodarlo agevolmente intorno alla pallina di carta


3- Annodate il cordino e tagliate l'eccedenza. Fissate col nastro adesivo per evitare che scivoli via


4- Tagliate un quadrato di tessuto che ricopra abbondantemente la pallina di carta


5- Piegate il tessuto in 4 e nell'angolo interno fate un piccolissimo buco


6- Inserite l'occhiello di cordino nel buchino fissandolo con poca colla

7- Disegnate gli occhietti e...

...BBBBBUUUUUUUUUUUUU!!!!!!!!!!!!!!!

mercoledì 27 ottobre 2010

Bacche o pomodori?

Mi ero ripromessa di dipingerle, le bacche raccolte tempo fa, con i loro colori e il fascino autunnale...
Terminato l'acquerello chiedo a Pietro un'opinione, a me sembrava abbastanza carino:
-Amore ti piace questo disegno fatto da mamma?
-Cos'è? (e già a questo punto avrei dovuto fermarmi... ma sono masochista!)
-A te che cosa sembra? (domanda aperta, tanto per rigirare il coltello nella piaga...)
-Una bella fragola in mezzo a tanti pomodori! Mamma sei proprio brava a dipingere i pomodori...

E come dargli torto?


A voi il compito di scovare la fragola...



lunedì 25 ottobre 2010

Le tendine in nylon rosa...

La luce ricama ghirigori e volute usando la tendina di una finestra di campagna.
Un solo prezioso raggio di sole in un giorno di pioggia.
Quel raggio è mio, lo catturo...
E mi torna alla mente una canzone del grande Guccini, che ascoltavo e cantavo nella mia ormai passata "prima giovinezza".
Oggi queste note le lascio a voi...

                         
Buon lunedì, piovoso, trasognato, un pochino malinconico...

martedì 19 ottobre 2010

Rosa per la vita

Un piccolo nastro rosa come simbolo di vita.
Un piccolo nastro rosa, una cosa semplice come la prevenzione.
Per vincere contro un male terribile, per arrivare prima di lui. Perchè oggi si può. Si deve.
Per noi stesse e per coloro che ci amano.

Per saperne di più visitate il sito della LILT

Mi raccomando. E' importante.

domenica 17 ottobre 2010

Tempo di zucche

Halloween si avvicina e quest'anno avevo voglia di fare una zucca, una zucca vera da scavare all'interno, intagliare donandole occhiacci e bocca sdentata, illuminare con un bel cero all'interno. Beh, questa zucca spaventosa ce l'ho ancora in programma... intanto però nella casa virtuale della Salvia ho trovato questo bellissimo tuto per fare le zucche imbottite e ieri pomeriggio in quattro e quattrotto ho cucito e imbottito questa qui:

E' veloce e divertente e soprattutto si vede subito il risultato!
Un consiglio... anzi due: usate tessuti abbastanza pesanti e consistenti perchè in alcuni punti il cotone leggero tende a sgranarsi con la tensione dell'imbottitura... e poi di imbottitura procuratevene una quantità industriale! Quanto mangiano queste zucche!

Adesso sto aspettando che la mia zucca si trasformi in una bella carrozza... per ora niente... se succede qualcosa vi faccio sapere!
Baci baciniiiiii!

giovedì 14 ottobre 2010

Ghiande di feltro

L'ho già detto, le ghiande mi piacciono tantissimo, nascondono in sè un che di magico...
Ispirati da tanti blog d'oltreoceano ( dei quali perdonate non ricordo il nome... ma erano davvero tanti!) lo scorso anno io e i bimbi avevamo fatto queste:


Se vi capita di passeggiare in campagna o in un parco questa è la stagione migliore per raccogliere le ghiande che iniziano a staccarsi dai rami. Sceglietele belle grosse e cicciotte e dividete il cuore dal cappuccio.
Il vero cuore della ghianda verrà sostituito con una pallina di lana infeltrita, attaccata con un poco di colla vinilica.
Sono veramente molto semplici da realizzare e sistemate in una ciotola, magari di cartapesta, tutte colorate, insieme a rametti, foglie, sassolini, bacche e ghiande vere formano un centrotavola ricco di poesia.

Le palline di feltro si trovano in commercio già pronte ma potete sbizzarrirvi a farle da sole ( e c'è molta più soddisfazione!) come ha fatto Alessia

E allora... buona raccolta e buon centrotavola!

martedì 12 ottobre 2010

Hello Kitty for Margherita

In genere sono abbastanza contraria alle mode, cioè non proprio contraria... semplicemente preferisco non starci dietro perchè mi sembra che tolgano personalità e fantasia ad ogni cosa.
Lo so, sono una pallosa antipatica.
 Certe volte non esito a ricredermi, specie quando ci si riferisce a qualcosa che mi fa tornare alla memoria ricordi di me bambina. E poi si sa, le mode girano e rigirano, vanno e poi ritornano e ormai alla mia età sono già calata in pieno nel secondo giro... sob...
Insomma senza girarci tanto intorno, la Margherita impazzisce per Hello Kitty e siccome questo gatto col testone è stato anche una mia passione giovanile ecco che non potevo non farle la torta di Hello Kitty.
Mi sono divertita a prepararla e a decorarla e, io che non sono mai contenta delle cose che faccio, anche molto soddisfatta del risultato.
Dadaaaaannnnnnnnnnn............


Che ve ne pare? Se non vi piace non ditemelo...
L'anno scorso avevo preparato questa impazzendo per ricoprirla con la pasta di zucchero... mi ero messa in testa di farla da sola ed era stata un'impresa, si appiccicava dappertutto... quest'anno ho usato quella pronta ed è stato un divertimento stenderla con il mattarello e ricoprirci il dolcione!
La base della torta è un pan di spagna strepitoso, è stato un esperimento che non avevo mai provato ed è risultato perfetto. Ho farcito l'interno con crema pasticcera e gocce di cioccolato fondente dopo aver leggermente inumidito il disco di pasta con il latte.
La ricetta sia del pan di spagna che della crema l'ho rubata a lei... grazie grazie grazie!
Per il disegno di Hello Kitty ho usato una cialda rotonda comprata al supermercato. L'idea era di metterla così com'era ma era veramente troppo rotonda... allora ho ritagliato la sagoma del gatto e l'ho attaccata dopo aver bagnato leggermente la superficie della torta!
Ok, vi ho fatto due maroni così... perciò basta!
Vi lascio con due foto della festa: la Marghe che spenge la candela (dopodichè la mia torta sublime è stata rovinosamente tagliuzzata) e la coppia Margherita-nonna Amelia. 3 anni contro 96. Alla faccia del salto generazionale!



Riuscirò a non assillarvi per un po' con le mie prodezze da pasticcera provetta? Chissà chissà... ops... venerdì c'è la festa di Pietro! Omamma.......

sabato 9 ottobre 2010

Vi piacciono le mandorle?

Se la risposta è SI allora non perdetevi questi pasticcini che io ho scoperto questa estate preparati da mano esperta... mi hanno stregato, al solo pensiero mi aumenta la salivazione... slurrrrp!
Sono due ricette diverse ma molto simili, un tipo con le patate (si si proprio le patate) che rimangono più morbidini dopo la cottura e un tipo con l'albume d'uovo che risultano più croccanti (ma sempre morbidini).


Ricettina n° 1:  PASTICCINI ALLE MANDORLE CON I PINOLI

150 gr. di MANDORLE
150 gr. di PATATE LESSATE
150 gr. di ZUCCHERO
1 ROSSO D'UOVO
PINOLI  a volontà

Mettete nel mixer le mandorle e un cucchiaio di zucchero e frullate. Schiacciate le patate, unite le mandorle frullate e il resto dello zucchero e mescolate bene fino ad ottenere un composto omogeneo. L'olio contenuto nelle mandorle provvederà a rendere l'impasto un po' molliccio...ma così deve essere.
Mettete la carta forno sulla placca e con un cucchiaino fate delle montagnette di impasto, poi con un po' di pazienza ricoprite ogni monticino con i pinoli che vi si appiccicheranno alle dita e vi arrabbierete... ma così deve essere.
Adesso mettete in frigo: più tenete in frigo e meglio è, se potete preparate l'impasto la sera e aspettate tutta la notte. Io naturalmente ho aspettato solo qualche ora ma sono venuti buoni lo stesso...
Prima di infornare spennellate con il rosso di uovo sbattuto con un cucchiaino di latte.
FORNO  150°-160° per  20 MINUTI circa. IMPORTANTE: FAR RAFFREDDARE NEL FORNO


Ricettina n° 2:  PASTICCINI ALLE MANDORLE SENZA PINOLI

200 gr. di MANDORLE
120 gr. di ZUCCHERO A VELO
1 ALBUME LEGGERMENTE SBATTUTO
1 CUCCHIAINO DI ACQUA DI FIORI D'ARANCIO
POCHE GOCCE DI ESSENZA DI  MANDORLE

Frullate le mandorle con un cucchiaio di zucchero poi unite il resto dello zucchero, l'albume e le essenze. Fate dei salsicciotti di impasto che avrà la consistenza della pasta da pizza, tagliate in piccole parti uguali e fatene delle palline che metterete sulla placca con la carta da forno. Aggiungete una mandorla al centro di ogni pallina e infornate (questa volta senza aspettare, alè).
FORNO CALDISSIMO 200°-220° per 8-10 MINUTI.
Cospargere di zucchero a velo.


Io li ho preparati per la festicciola di domani per il comple della Marghe... anche se il piluccamento è continuo e incessante... ancora uno... dai, uno solo... l'ultimo... l'ultimissimo...

venerdì 8 ottobre 2010

Bacche: segnali d'autunno

In questi giorni percorrendo la strada di casa mi ci cade e ricade sempre l'occhio: verdi, rosse e nere.
Tre diversi tipi di bacche mi rapiscono i pensieri, mi danno ispirazione, mi riempiono di idee.
Alla fine le ho raccolte, ma solo un piccolo rametto, e ho deciso che saranno le mie modelle: ho rispolverato gli aquerelli, dopo tanto tempo...




Non sono bellissimi i piccoli doni di questa stagione generosa?
Buon fine settimana ricco di piccole cose belle!

giovedì 7 ottobre 2010

Per S.

Stasera accenderò una candela. E dirò una preghiera.
Per lei, per Sarah.
Perduta nell'assurdità di questo mondo dove a volte ogni parola annienta il suo significato.

martedì 5 ottobre 2010

Cosa rimane di settembre...

Il tempo corre via  impietoso ed io, in queste ultime settimane non ce l'ho fatta a tenere il passo. Siamo stati risucchiati dal vortice dell'inserimento scolastico che si è portato via energia e forze. La Margheritina ha iniziato l'asilo e ingenuamente pensavo che sarebbe stato tutto più semplice, fantasticavo pensando al momento e vedevo solo rose e fiori. Invece è stata una fatica mastodontica... non per lei, che dopo i primi due giorni lacrimosi si diverte come una matta ad andare a scuola e mi saluta con un gran sorriso ed entra in classe correndo dai suoi nuovi amici... la fatica è stata mia! Certo ero consapevole che non sarebbe stato un distacco "facile" ma non credevo di raggiungere livelli così pietosi! Uscivo da scuola piangendo come una scema, col magone allo stomaco guardando l'orologio aspettando l'uscita...quanto manca?... una roba da vergogna. Che poi la trovavo sempre sorridente, allegra, felice e a modo suo mi raccontava di quella sua nuova vita... E allora? Allora mi sono resa conto che io con questa bambina dalla salute un po' incasinata ho instaurato un legame così forte che ha generato un senso di protezione esagerato. Succede con tutti i figli, o almeno dovrebbe, ma io forse con lei ho passato un pochino il limite. E adesso ne pago le conseguenze...
In realtà adesso le cose vanno meglio, a parte gli orari assurdi che l'inserimento comporta quando ne hai due di bambini che vanno alla stessa scuola in classi diverse con orari diversi... mi mancano, tanto tanto, e c'è una quotidianeità tutta nuova da riorganizzare, con nuovi tempi e nuovi ritmi e nuovi sentimenti. C'è una nuova me da tirar fuori che non riesco ancora ad inquadrare. C'è la tavola da apparecchiare per due e non più per quattro...

La faccia schifata della Marghe la mattina del primo giorno di scuola parla da sola... E Pietro ogni tanto tira fuori il suo lato amorevole e cerca invano di consolarla e rassicurarla, dicendole che lui sarà nella classe accanto e la mamma verrà a riprenderci e se ci sono bambini birboni chiamami...

Settembre è passato correndo veloce, si è portato via gli ultimi tepori e le lunghe giornate estive piene di sole. Ha lasciato nella sua scia piccoli segnali che ogni anno mi fanno ricordare che l'autunno si avvicina a grandi passi. E mi appare un sorriso perchè l'autunno io lo adoro! Meraviglia di colori, di luci, di tepore casalingo, di caminetto acceso...

I crochi, che ogni volta mi sorprendono per la velocità con cui spuntano dal terreno... la sera non ci fai caso e al mattino ecco che si rivelano in tutto il loro giallo intenso e luminoso, così delicati, semplici ma  poco durevoli... si fanno ammirare per breve tempo, perciò bisogna cogliere l'attimo!

I fichi che io adoro, non smetterei mai di mangiarne. Cerco di girare al largo dall'albero che c'è in giardino e che ogni anno ci fa dono di queste piccole meraviglie, del loro verde intenso, del rosso sorprendente e dolcissimo dell'interno, della marmellata strepitosa che prepara la mia suocera...slurp!
Le ghiande mi affascinano in modo particolare, non resisto senza raccoglierle, tenerle in mano, osservando la loro piccola perfezione... ne ho fatto anche un piccolo gioiello, che forse vi mostrerò...

Il colore della luce al tramonto, quando le giornate iniziano ad accorciarsi e ogni cosa si tinge di rosso, ma di un rosso così dorato che ogni cosa intorno appare più bella. A me piace ammirare i raggi che filtrano tra gli alberi, a volte mi siedo nel bosco, per terra sulle foglie e aspetto finchè il sole diventa sempre più sottile, fino a scomparire del tutto. Un momento piccolo piccolo ma che mi fa ricordare quanto bello sia il mondo...

I funghi, anche se non sono tipicamente autunnali, mi fanno pensare a questa stagione, sarà per il colore caldo che hanno, sarà perchè li associo a una mega bistecca ala fiorentina cotta alla brace... non lo so... per me i funghi appartengono all'autunno.

E ottobre zitto zitto è iniziato e ha portato con sè un giorno importante: il terzo compleanno della Marghe, festeggiato ieri mattina a scuola con tanto entusiasmo, ieri sera con i nonni tutti a cena da noi, domenica prossima con gli amici di sempre.

Auguri amore mio piccino... ma sempre meno piccino!!!

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails