venerdì 21 maggio 2010

Bisquits & cakes

Sono maniaca dell'accumulo, non butterei mai niente. Il risultato è la casa piena di cianfrusaglie che prima o poi nei miei sogni più rosa verranno riciclate o trasformate o rinnovate. Alcune (molte) rimangono lì in attesa, altre devono aspettare solo pochi giorni per tornare a nuova vita.
Come questo secchiello di cartone che in origine conteneva delle costruzioni di legno di Pietro piccolo...poi è stato un tamburo...poi ci mettevano l'acqua...poi si è sfondato.Ma era troppo bellino per buttarlo, troppo rotondetto.
Così con qualche strato di carta di giornale per consolidarlo, l'ultimo strato di carta velina verde(anche lei un recupero della serie nonsisamaipotrbbeservire), una etichetta e tanti tanti pallini bianchi, un bello strato di vernice trasparente (all'acqua)...
...mi serviva proprio un contenitore per formine dei biscotti e stampini vari! Finalmente hanno il loro posto, tutti insieme!

Se non ci sentiamo prima...buon week end, che sia pieno di sole e creatività!

mercoledì 19 maggio 2010

Go mamma e nonna Bruna

Go mamma, il nuovo blog per mamme (nuove,vecchie e future) mette in palio il bel libro di storie di nonne Bruna, della nonna Bruna Tramontana. E con il libro c'è anche il cd. E con il cd c'è anche la dedica dell'autrice. E se oltre che lasciare un commento su go mamma segnalate anche sul vostro blog e su fb...allora le possibilità di vincere si moltiplicano! Quindi forza!!!!

Io ci provo, mi piacciono troppo i libri! In bocca al lupo a tutti !!!!! E buon mercoledì...

martedì 18 maggio 2010

I nodi si sciolgono...

Ci sono giorni in cui mi sveglio ed è come se il mondo girasse dalla parte sbagliata.Ma mi basta così poco certe volte per ritrovare un po' di serenità. Spesso mi arrovello, mi logoro e mi accanisco contro sentimenti ansiosi, fingendo di non capirne la provenienza, giocando a fare lo struzzo per dare vigliaccamente la colpa a qualcun altro. Quando invece le risposte ai miei tormenti ce le ho tutte io, dentro di me...e quella sensazione tremenda di nodo allo stomaco che mi attanaglia, come se ce l'avessi incollata dentro, come un leone che azzanna la sua preda, beh, si scioglie, si dilegua nel momento stesso in cui la riconosco, gli dò un'identità, la rendo reale. Rendendola vera ne dichiaro allo stesso tempo l'inesistenza e la faccio impotente realizzando che nasce solo e unicamente da me. Dipende da me farla esistere o no.
Domenica è stata una di queste giornate iniziate storte.Poi mi sono stretta ai miei affetti, alle cose che amo fare e mi rendono felice, alle piccole scoperte fatte nel bosco durante una passeggiara prima di un buon pranzetto, a una cena improvvisata con gli amici di sempre... Sono andata a dormire, la sera, con il cuore leggero e pieno di dolcezza...


(questa "torre di terra" come l'ha battezzata Pietro è un alveare. All'inizio pensavamo che si trattasse di un formicaio strano, poi ci siamo accorti che uscivano ed entravano le api cucciole...ci siamo guardati intorno e di queste torri meravigliose e delicatissime ce n'erano decine! Una delle magie della natura!)


(un'impronta di daino...qui ce ne sono tanti e in questo periodo dell'anno non è raro ammirarli zompettare tra gli alberi del bosco...meravigliosi...con i loro cuccioli dalle lunghe gambe...)


(nel pomeriggio qualche prova di acquerello, da un po' di tempo che non armeggiavo con i pennelli...vorrei dedicarmici più spesso, è una cosa che mi rilassa tanto tanto...)

(la cena con i nostri amici Enrica e Massi e le loro tre spepere, bellissime. La foto è di qualche tempo fa ma non potevo non metterla: queste tre tipette mi fanno impazzire!)

Baci a tutti!!!!

mercoledì 12 maggio 2010

Chiedere non costa niente

Stamani complice una mattinata di pioggia torrenziale io e la Marghe abbiamo cucito questi cuscini per la mia mamma.
Ormai non è un segreto quanto io sia fissata con le stoffe, in particolare mi fanno impazzire i tessuti da tappezzeria per i loro colori brillanti e le trame lavorate ma soprattutto per la consistenza sostenuta che li rende facili da cucire. Purtroppo non sono proprio economici e non è semplice trovare chi vende piccole quantità...
Io li ho chiesti in regalo. Perchè chiedere non costa niente e tentar non nuoce.
Sono andata da un tappezziere e ho chiesto se gentilmente poteva darmi gli avanzi dei suoi lavori, anche piccoli ritagli, insomma pezze che lui avrebbe buttato.
In quattro e quattr'otto mi sono trovata con un sacchettone pieno di scampolini colorati, io con un sorriso ebete e quasi incredulo e il tappezziere che mi ringraziava per aver alleggerito il suo carico da cassonetto.
Io ringraziavo lui e lui ringraziava me. Perfetto.
E le stoffe misteriose si sono poi rivelate bellissime, con mia grande gioia, così stamani ne abbiamo utilizzati alcuni ritagli per questi cuscini patchwork, e devo dire che mi piacciono, si si, mi piacciono parecchio... e penso che potevano finire nella spazzatura senza scoprire le loro potenzialità. Sarebbe stato un peccato.
Dopo pranzo, con la tazza del caffè in mano e la testa appoggiata al vetro della porta mi sono incantata a guardare la pioggia. Era come un muro bianco che avvolgeva ogni cosa. Ho visto nel bosco tutto intorno un sorriso di ringraziamento rivolto a quest'acqua, pioggia di cui la terra ha così tanto bisogno, pioggia preziosa e vitale, splendente come cristallo sulle foglie delle peonie, sulla tela di un vecchio ombrello nero.
Tutto è relativo.
Tutto dipende dal punto di osservazione.
Tutto dipende da chi osserva.




lunedì 10 maggio 2010

Riciclare i tovaglioli: grembiulino per piccoli cuochi

Scommetto che avete in casa tanti tovaglioli che non usate più, coordinati a tovaglie ormai usurate o irrecuperabilmente macchiate non più utilizzabili... di solito hanno stampe e fantasie così belle e colorate che è un peccato buttarli o usarli per scopi "poveri"tipo spolverare, inoltre alcuni rimangono quasi nuovi... io nel mio cassetto della biancheria ne ho un sacco e volevo trasformali in qualcosa di carino e utile. Così è nato il "grembiulino 10 minuti" e ve lo racconto:

GREMBIULINO 10 MINUTI PER PICCOLI AIUTANTI CUOCHI

Avete bisogno semplicemente di due tovaglioli colorati, un po' di nastro e il necessario per tagliare e cucire (non è necessaria la macchina da cucire perchè è veramente facile e veloce, solo pochi punti!).

1- Dal primo tovagliolo tagliate un rettangolo che misuri il doppio (più un cm per le cuciture) della pettorina che dovete realizzare, sfruttando un margine con il bordo già orlato. Il fatto che i tovaglioli abbiano già l'orlo fatto rende tutto estremamente veloce!



2- Piegate il margine senza orlo e fate una cucitura per rifinire. Chiudete a metà il rettangolo e cucite i margini lasciando un centimetro e mezzo dalla parte dell'apertura orlata

3-Rivoltate. Avete adesso una specie di sacchettino

4- Prendete il secondo tovagliolo e fate delle piegoline simmetriche rispetto al centro. Non importa quante sono, dipende anche dalla dimensione del tovagliolo stesso.Servono per evitare che il grembiulino sia troppo fasciante in vita... fissate con gli spilli

5- inserite la parte con le increspature nell'apertura della pettorina sfruttando i piccoli spacchetti laterali che avevamo lasciato aperti. L'importante è che la parte superiore e quella inferiore combacino. Imbastite e cucite.

6- Con la parte di tessuto avanzato ritagliate una tasca (sempre sfruttando il bordo). Stirate i margini all'interno, imbastite in posizione e cucite

7- Cucite i nastri da annodare dietro al collo e dietro alla vita

8-Fate una prova con una modella entusiasta

9-All'opera, con le mani in pasta... come piace tanto a noi!

Aprile è stato un mese molto ricco, di cose fatte (di cui vi parlerò) e di pensieri... non so a cosa porterà questo cammino, non so se sia una crescita, o forse una decrescita o forse tutto una illusione. Mi sento un po' confusa... L'unica certezza è che come ogni anno arrivo a maggio con le forze sottozero e i nervi tesi...sarà la stagione, sarà che ho un senso di solitudine che non mi molla, sarà che a volte ho la sensazione di essere invisibile...mah...passerà...

Intanto mi scuso per la mia assenza, un po' per cause di forza maggiore, un po' per pigrizia mentale...vi giuro che alcune di voi sono state sempre con me, nel mio cuore...

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails