martedì 9 novembre 2010

Di olive e lanterne

Lo scorso week end, fino a domenica pomeriggio, c'è stata abbondanza di sole e qui da noi è partita la maratona della raccolta delle olive.
Ecco, diciamocelo, la cosa non mi ha mai entusiasmato più di tanto... gli anni passati vedevo questo momento come un corvaccio nero e insidioso che volteggiava intorno alla data del mio compleanno ( perchè sempre e dico sempre i due eventi sono stati legati a doppio filo...)
E che palle ho sempre pensato.
Quest'anno sarò stata beneficiaria di una specie di miracolo ma ho vissuto il gravoso impegno in maniera totalmente diversa.
Sarà merito del sole, di uno stato di grazia del mio carattere iracondo e assai assai assai brontolone, sarà merito degli integratori che prendo la mattina, di una congiunzione astrale favorevole... e che ne so io?
Quest'anno è stato rilassante e oserei quasi dire piacevole, roba da non credersi...

Poi domenica dopo pranzo ha iniziato a piovere...
...EVVABBE'...



Dunque la raccolta è sospesa causa maltempo... fortunatamente non manca molto per terminare, e poi al frantoio, a seguire passo passo la magica trasformazione in verdissimo olio "novo", denso e pizzichino.

Intanto noi abbiamo tenuto da parte una certa quantità di olive, le più cicciotte. Stiamo facendo un esperimento di conservazione sott'olio, per adesso siamo in fase sperimentale, vi farò sapere...


E in questa giornata di pioggia copiosa abbiamo anche preparato le lanterne per san Martino, che qui è  santo patrono del paese.

Le abbiamo fatte semplicemente e velocemente con vasetti di vetro e... calzini, i miei amati calzini che mai si buttano. Si incolla il bordo superiore del calzino all'apertura del vasetto con la colla a caldo, si taglia il calzino a misura di barattolo e si fissa sempre con la colla sotto al vasetto cercando di non formare bozzolini.
I miei calzini non erano proprio il massimo così ho ingentilito con dei fiocchetti.

Cinque minuti e san Martino avrà le sue lanterne.

8 commenti:

  1. Bellissima l'idea di decorare le lanterne con dei calzini.. del tipo "non si butta via mai niente"!
    l'anno scorso anche noi abbiamo portato le olive al frantoio.. e quanto mi sono divertita... e poi mangiare proprio li sul posto una bruschettina con l'olio appena "munto"... wow... una delizia per il palato!

    RispondiElimina
  2. Anche noi raccoglieremo le olive in questi giorni, ma non certo per fare l'olio... sono poche. Sarà più un passatempo. E che belle le lanterne! Le nostre le abbiamo fatte ieri. Sono emozionata, è la nostra prima festa di San Martino. Speriamo nel bel tempo!

    RispondiElimina
  3. che idea carina le lanterne ... così semplice e d'atmosfera ... io adoro candele e lanterne (ne ho casa piena) e te la copierò! grazie, un bacione

    RispondiElimina
  4. da me è stata un'annata scarsa per le olive...ma il divertimento è stato super...complimenti per le tue lanterne, facili e originali.

    RispondiElimina
  5. Buone le olive.... mamma che buone! Specialmente nell'insalata greca!
    Io non ho mai raccolto le olive e non so se sia proprio una noia o no! Ma lo sai che almeno una volta mi piacerebbe proprio tanto provare?
    Va beh.. magari un giorno!
    Un abbraccio olivoso... eh eh eh

    RispondiElimina
  6. che bello!
    Amica sei stata nominata testimone della staffetta dell'amicizia.
    Un saluto

    RispondiElimina
  7. che buone le olive, ti faccio i complimenti per le foto, sono bellissime, ma anche per l'idea di riciclare i calzini, le lanterne sono venute davvero bene, bravissima!

    RispondiElimina
  8. le tradizioni che si ripetono sono sempre belle, sono comunque un motivo di incontro!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails