martedì 14 settembre 2010

Di una giornata che diventa week end...

Sabato scorso avevamo in programma da tempo una visita con i bambini all'acquario di Genova. Entusiasti per la gita lontano ci organizziamo con pranzo a sacco, merendine varie e l'intento di rientrare a casa per cena... alle otto e trenta siamo in auto pronti a partire. Alle nove in punto telefona lei: "non crederete mica di venire qua senza rimanere da noi fino a domani? Ci vediamo così raramente..." al che io rispondo che non lo so, mi dispiace siamo tanti hai già molto da fare ti richiamo tra un po'... dopo due secondi: "ok, restiamo. Ma dobbiamo comprare almeno gli spazzolini da denti!".


E' che certe porte le trovi sempre aperte e quando arrivi non puoi fare a meno di sentirti a casa, un po' per l'atmosfera magica che si respira tra quelle mura, un po' per l'affetto che ti lega a quelle persone, un po' perchè non lo so spiegare, è qualcosa di chimico...

Così alle undici eravamo all'aquario, con i biglietti già prenotati qui il giorno prima, risparmiandoci almeno una fila.
Ok, io ne avrei fatto a meno. Sono contraria a qualsiasi tipo di segregazione, non mi piacciono zoo, acquari, circhi e robe così... mi viene la tristezza e mi incaxxo pure un po' perchè non trovo il senso di queste schiavitù. Provate voi a stare sempre nella stessa stanza (perchè le proporzioni sono queste) senza uscire mai, pur essendo un posto magari bello, pulito e accogliente, con qualcuno che vi prepara anche pranzo e cena... io credo che impazzirei. E perchè per un animale non dovrebbe essere lo stesso?
Ma i bambini chiedevano di andarci da un po' e non me la sono sentita di mettere le mie ideologie in fondo un po' banali davanti ai loro desideri... e resta il fatto che alcuni pesci &co. sono veramente stupendi!


I delfini ballerini
Le meduse incantatrici
I pinguini vanitosi
La stella marina
E poi alla casa in collina, la cena preparata tutti insieme, i bambini che scorrazzano intorno al tavolo, la stanchezza per la lunga giornata, la notte bianca a Genova che quasi quasi ma poi chi se ne frega perchè qui si sta proprio meglio...

3 commenti:

  1. anche a me ha fatto tristezza quando ho portato francesco all' acquario. la pena più grande l' ho provata per i pinguini.
    però francesco era felicissimo. era ancora piccolo e per lui era normale vedere gli animali così.
    quando quest' estate ha visto un delfino in mare, però, la reazione è stata diversa!

    sono contenta che la gita sia stata divertente.

    paola

    RispondiElimina
  2. Vedere gli animali dal vivo è sicuramente un'esperienza unica, sia per i bambini che per gli adulti, però sono d'accordo con te, che tristezza osservarli rinchiusi! Ho provato questa sensazione dopo la visita ad un minuscolo acquario, in vacanza. Meglio godersi la vista di una cavalletta nel suo ambiente che un leone in gabbia! Ciao!

    RispondiElimina
  3. un'esperienza indimenticabile soprattutto per i bambini...chissà che gioia!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts with Thumbnails